Archivio per gennaio 2014

NEOFASCISMO E NEONAZISMO: UN PROBLEMA POLITICO, CULTURALE, EDUCATIVO

31 gennaio 2014

SABATO 8 FEBBRAIO ore 15,30—  Presso l’Aula 10 (secondo piano) del Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze via Laura, 48.

Viviamo un periodo di crisi in cui le speranze nel futuro si sono assottigliate, la partecipazione civile è molto bassa nelle giovani generazioni e per lunghi anni vari mezzi di comunicazione hanno disseminato la cultura collettiva di valori falsi e vuoti. Perciò non è difficile che i ragazzi, che sono ancora in un’età dalla identità fragile, possano rimanere affascinati da parole d’ordine impavide e violente, o ingannati dalla possibilità di acquisire falsi ideali di forza e arditezza tramite la creazione di un nemico da combattere o l’appartenenza a un gruppo perseguitato ma fiero.

NEOFASCISMO E NEONAZISMO: UN PROBLEMA POLITICO, CULTURALE, EDUCATIVO

Ne parliamo con:

  • SAVERIO FERRARI, giornalista e redattore dell’Osservatorio Democratico sulle nuove destre

  • RAFFAELE MANTEGAZZA, docente di Pedagogia Interculturale

 

LEGGE ELETTORALE: presidente ANPI Smuraglia firma appello contro ‘Italicum’ e ‘sdoganamento Berlusconi

31 gennaio 2014

E’ il caso di occuparsi del merito dello “sdoganamento” di Berlusconi e dunque dell’intesa con Renzi. Anzitutto, per quanto riguarda la legge elettorale. Diciamo tutti da molto tempo che il porcellum doveva essere cassato poiché toglieva poteri e diritti ai cittadini. Ma ora, d’improvviso, si scopre che lo schema di una nuova legge non restituisce affatto ai cittadini la libertà di scegliere, ma è seriamente e fortemente attestato, ancora una volta, sulle liste bloccate ad emanazione dei partiti. Un progetto che va contro la sostanza delle motivazioni della Corte Costituzionale e contro una evidente logica democratica. Per questo ho firmato un appello di giuristi perché non si dia vita ad un altro “ mostro”

IL CORAGGIO DEL “NO” La resistenza silenziosa degli Internati Militari Italia

19 gennaio 2014

 Una mostra a cura di Ilaria Borsieri e Yuri Materassi —-dal 27 Gennaio al 09 febbraio 2014, presso la Galleria IAC, Via della Croce 41, Impruneta (FI)
INAUGURAZIONE PER IL GIORNO DELLA MEMORIA, lunedì 27 gennaio, ore 19.00, Ingresso libero. apertura: gio-ven 16-19, sab-dom 10-19

 Il 27 di gennaio prende il via la mostra Il Coraggio del “NO”, che vuol accendere una luce sulla vicenda ancora troppo sconosciuta degli Internati Militari Italiani (I.M.I.). La mostra, curata da Yuri Materassi e Ilaria Borsieri, entrambi nipoti di due I.M.I., sarà inaugurata lunedì 27 gennaio, in occasione della Giornata dellaMemoria, presso la Sala espositiva IAC, in Impruneta. Oltre agli Autori Yuri ed Ilaria hanno contribuito alla realizzazione della mostra l’ANRP (AssociazioneNazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento e dalla Guerra di Liberazione e loro familiari), il Comune di Impruneta, ’Associazione ART.ART. di Impruneta e l’Istituto Parri di Bologna, che ha messo a disposizione la documentazione fotografica di Vittorio Vialli.

Alla serata di inaugurazione, che si svolgerà a partire dalle ore 19, saranno presenti, oltre agli Autori e ai rappresentanti delle varie Associazioni, il Vicesindaco Joele Risaliti e la Filarmonica Giuseppe Verdi di Impruneta.
Al termine dell’inaugurazione verrà offerto un piccolo buffet-aperitivo. Sinossi della mostra Il Coraggio del “NO”
Che valore può avere un “NO”? Quello che pronunciarono gli oltre 600.000 militari italiani che si rifiutarono di aderire al nazifascismo, sicuramente aveva un valore
altissimo. Un valore di “libertà”, che pagarono sulla loro pelle con la prigionia e inmolti casi con la morte.
Quelle di questa mostra sono due storie d’internamento, narrate attraverso gli sguardi e i ricordi dei nipoti di chi fece quella scelta così coraggiosa. C’è la storia di Elio e quella di Mariano.
Elio fu catturato a Milano, quando era ancora militare, e costretto prigioniero prima in Polonia, poi in Germania. Elio aveva con sé un diario, pezzi di carta, e su quelle pagine fissò la memoria di scene atroci e vita quotidiana da prigioniero. Suo
nipote, Yuri, dopo oltre 60 anni è tornato in quegli stessi luoghi, da uomo libero, e ha provato a raccontare la storia di suo nonno attraverso lo sguardo della sua macchina fotografica, trasferendo in immagini una storia di sofferenza ma anche di
speranza.
Poi c’è la storia di Mariano che fu catturato in Grecia con il suo reggimento, disarmato, fatto prigioniero dai tedeschi e prima internato nel Lager di Sandbostel e poi a Kiel.
Uomo di forte tempra, solare e positivo, non ha mai perso la speranza, nonostante le sofferenze patite di poter tornare vivo a casa e di un futuro di pace.
Sua nipote, Ilaria, ha iniziato quattordicenne un percorso di studio personale su internamento e deportazione non solo per un bisogno di comprendere la storia ma anche e soprattutto per capire come essa influenzi il nostro presente ed il futuro e
per permettere alla memoria delle atrocità passate di rimanere viva e di insegnare alle giovani generazioni i valori che suo nonno ha trasmesso a lei.
Infine, completano la mostra un’introduzione alla storia degli I.M.I. curata dall’ANRP (Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento e dalla Guerra di Liberazione e loro familiari) e un breve video con fotografie d’epoca di
Vittorio Vialli, il terzo I.M.I. di questa mostra e, se volete, la terza storia di un coraggioso “NO”.

La memoria dell’antifascismo e la cultura politica del nostro tempo. Corso di formazione e aggiornamento

14 gennaio 2014

La memoria dell’antifascismo e

la cultura politica del nostro tempo
Corso di formazione e aggiornamento in collaborazione con Anpi provinciale – Firenze

L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana propone un corso di formazione e aggiornamento sul tema La memoria dell’antifascismo e la cultura politica del nostro tempo rivolto agli iscritti all’Anpi residenti nella provincia di Firenze.

Il corso si articola in tre incontri da tenersi in Firenze nei giorni di sabato 15 (14.30-17.30), 22 febbraio (9.30-12.30) e 1 marzo (9.30-12.30) 2014,  presso la sede Anpi, via Buonarroti 13, Firenze.

Gli incontri saranno articolati in una prima parte che, in forma di lezione frontale, affronterà alcune tematiche di carattere generale relative al ruolo dei protagonisti e dei testimoni della mobilitazione antifascista e resistenziale nella formazione di una memoria collettiva, al mutare di questa memoria collettiva nel corso della storia repubblicana, infine al contributo che nuove modalità di elaborazione e trasmissione di quella memorie possono ulteriormente dare alla formazione di una cultura civile e politica del nostro paese. La seconda parte si svolgerà in forma seminariale con la libera discussione tra i partecipanti.
Gli incontri saranno guidati da docenti ed esperti dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana.

I tre incontri saranno dedicati rispettivamente ai seguenti temi e svolti dai seguenti docenti:

 

Sabato 15 febbraio 2014, ore 14.30-17.30

Marta Baiardi, Dopo i testimoni. Il ruolo dei protagonisti nella costruzione di una memoria collettiva

 

Sabato 22 febbraio 2014, ore 9.30-12.30

Simone Neri Serneri, Dal protagonismo degli antifascisti a quello delle vittime. Le stagioni della memoria collettiva

Sabato 1 marzo 2014, ore 9.30-12.30

Paolo Mencarelli, Altri racconti. Nuove modalità di riproduzione delle memorie collettive

 

Per partecipare ai corsi è necessario iscriversi presso l’Anpi provinciale di Firenze , scivendo alla mail: anpiprovinciafi@gmail.com